Questa è la storia di Marco, fatta di musica, passione, dedizione e tanta energia.
Passione che coltiva principalmente, per la gioia dei suoi vicini, sulle chitarre elettriche e gli amplificatori, a manetta! Successivamente, complice qualche lettera del suo amministratore condominiale, ecco nascere anche un amore più profondo per le sonorità acustiche.

Ed è proprio da qui che partiamo, dai Sundust, il suo attuale progetto acustico, con il quale coltiva anche la sua attitudine per la composizione e l’arrangiamento e, insieme all’amico e compagno di avventure Alessio Spini, propone uno spettacolo Rock-Blues, molto “groovy”, esibendosi nei migliori locali della regione. Attualmente, con il progetto Sundust, Marco ha avuto l’onore di aprire gli spettacoli di grandi artisti come il mitico Tommy Emmanuel, Stef Burns (Vasco, Prince, Alice Cooper, Y&T) e la sua Stef Burns League, Eric McFadden (Tom Waits, Eric Burdon).

Il primo disco Keep Walkin’, uscito nel dicembre 2013, ha ottenuto ottime recensioni ed è disponibile in tutti gli store digitali.

Parlando di sonorità elettriche e ampli a manetta invece, attualmente, Marco è impegnato nel progetto Rock Metal Avenue Lie, con il quale si è trovato a suonare a  Mosca al Ray Just Arena, ora è in programma un tour nell’est Europa ed a breve uscirà il calendario delle date.

Precedentemente, nel 2010 Marco ha composto e arrangiato il suo primo EP strumentale “Marco Mariani”, con il quale ha vinto una borsa di studio al Musicians Institute (MI-GIT) di Los Angeles ed una chitarra costruita su proprie specifiche dalla Carvin. Trasferitosi in America a L.A., inizia con loro una collaborazione.

Una volta tornato in Italia, nel 2011, lo stesso progetto strumentale gli ha dato la grande opportunità di aprire il concerto di Kiko Loureiro (Angra) al Blue Rose Saloon.

La passione per il rock strumentale e la sua ascia non muore mai e, sempre nel 2011, con il suo brano “Misantropia”, vince il contest nazionale YouPlay 2011 indetto dalla storica rivista Guitar Club. Sul numero di Dicembre dello stesso anno è stato pubblicato il brano vincitore che è acquistabile su iTunes.

In passato, la sua strada di musicista si è spesso incrociata a quella di altre realtà artistiche tra le quali gli amici Planethard, con i quali ha aperto il concerto di Richie Kotzen allo Zoe di Milano e affrontato il tour italiano dei Tygers of Pang Tang e dei Silent Rage; con Diego Mancino, in diretta nazionale su Radio Deejay e Sarasol.

Parallelamente alla sua attività di musicista, Marco collabora, in qualità di Docente Associato, con il CPM – Centro Professione Musica di Franco Mussida.

Dal 2004 ad oggi Marco ha calcato infiniti palchi con svariate band e macinato km. La vita di un musicista è sempre on the road.